© 2018 FdR

La Storia deciderà chi fra i due protagonisti dello storico incontro di oggi a Singapore è il più furbo. Chi dei due firmando con una mano il documento finale incrociava le dita dell'altra. Donald Trump o Kim Jong-un?

Jenny Town, analista al Simson Center e responsabile di 30 North, propone via BBC la sintesi delle interpretazioni più correnti.  

1. Lodi al summit per avere materializzato un nuovo approccio alle relazioni fra Usa e Corea del Nord, basato su una maggiore collaborazione e meno sul confronto-scontro.

2. Lodi al summit per avere sancito l'abbandono dello stile negoziale del tutto o nulla, optando per un processo più pragmatico e orientato sul lungo periodo.

3. Zero lodi al summit per non avere partorito alcunché di nuovo o di preciso sul fronte dell'abbandono dell'atomica, ma per avere invece offerto ai due presidenti un palcoscenico mediatico al quale (chi più chi meno disperatamente) anelavano.

Conclusione di Jenny Town: le tre letture non si escludono.

Conclusione di FdR: ci è mancato poco che Donald e Kim se ne andassero via a manina. Come si fa a volersi così bene?