Il senso di colpa è liberatorio

Ricordiamo le cose che contano. Fra tutte quelle che ci raccontano. E che non valgono niente. Ricordiamo: Philip Roth. Aveva deciso di smettere di scrivere anni fa, come uno smette di fumare, ma intanto c'era. Da qualche parte. È morto il 22 maggio scorso. Il Lamento di Portnoy va letto almeno tre…

 


Gli articoli del Senso del taccuino sono accessibili soltanto agli utenti registrati.
Questa sezione è a pagamento: l'abbonamento di 50.- franchi annui (Iva 7.7 % escl.) valido a partire dalla data di ricezione del versamento, ti consentirà di leggere l'integralità dei contributi pubblicati il sabato con frequenza quindicinale.
Se ti registri partendo da un articolo lo potrai leggere subito in omaggio.

nome utente

password

Password dimenticata?

Nuovo abbonamento

registrati